Prestiti INPDAP per pensionati statali

I pensionati ex dipendenti statali possono accedere a dei particolari prestiti Inpdap oggi gestiti dall’Inps, dei prestiti agevolati concessi a condizioni vantaggiose.

Si tratta di piccoli prestiti o di prestiti pluriennali diretti, dedicati ai pensionati iscritti alla gestione unitaria delle prestazioni sociali e creditizie, con pagamento del contributo al Fondo dello 0,35%.

Caratteristiche principali dei prestiti Inpdap

  • Iscrizione alla Gestione unitaria (Fondo Credito)
  • Pensione di vecchiaia, anzianità o invalidità
  • Pensione pari o superiore alla minima (501,89€)
  • Anche con segnalazioni Crif, protesti o pignoramenti
  • Trattenuta mensile sulla pensione fino ad 1/5
  • Tassi agevolati
  • Estinzione anticipata
  • Domande su portale, Contact Center o tramite patronato
  • Max 89 anni
  • Max 150.000€

Piccoli prestiti Inpdap per pensionati statali

I piccoli prestiti Inpdap sono dei prestiti veloci senza motivazione, con i quali è possibile richiedere da una a quattro mensilità rimborsabili da 12 a 48 mesi, secondo lo schema una mensilità in 12 mesi, due mensilità in 24 mesi e così via. Inoltre, in caso non si abbiano altri prestiti in corso, è possibile ottenere il raddoppio delle mensilità, fino ad un massimo di 8 mensilità rimborsabili in 48 mesi.

Il pagamento delle rate mensili avviene tramite trattenuta diretta sulla pensione, fino ad un massimo del 20%, con la salvaguardia della pensione minima di 501,89€. Il TAN è del 4,25%, al quale bisogna aggiungere uno 0,5% per le spese d’amministrazione dell’Inps ed un contributo al Fondo Rischi, che può andare dallo 0,34% al 15,39% a seconda dell’età del richiedente e della durata del prestito.

Prestiti pluriennali diretti Inpdap per pensionati statali

In caso di necessità di importi superiori, i pensionati ex dipendenti statali possono richiedere un prestito pluriennale diretto Inpdap, purché iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni sociali e creditizie da almeno 4 anni. Si tratta di prestiti tramite la cessione del quinto, con trattenuta mensile fino ad 1/5 della pensione e necessità di presentare un certificato di buona salute. I prestiti pluriennali diretti necessitano inoltre di una motivazione certificata, che può essere per motivi personali, di salute, familiari o per l’acquisto della prima casa di residenza, per sé o per un proprio figlio.

Il TAN è del 3,5%, al quale bisogna aggiungere uno 0,5% per le spese d’amministrazione dell’Inps più un contributo al Fondo Rischi, dall’1,92% al 22,39% a seconda dell’età e della durata del prestito. I prestiti pluriennali diretti possono avere durata quinquennale o decennale, con un’età massima del pensionato al termine del rimborso del prestito di 85 anni per i prestiti a 60 mesi, e di 80 anni per i prestiti a 120 mesi.

Come richiedere i prestiti Inpdap

I pensionati ex dipendenti statali possono richiedere i prestiti agevolati Inpdap direttamente sul portale dell’Inps, con il proprio codice fiscale ed il codice PIN. Oppure è possibile utilizzare il servizio di call center del Contact Center dell’Inps o infine servirsi dei patronati, in questo caso senza la necessità del codice PIN.

La documentazione necessaria è il proprio documento d’identità, il codice fiscale ed il cedolino della pensione. Inoltre, dopo il rimborso della metà del prestito contratto è possibile richiedere il rinnovo del prestito, o estinguere anticipatamente il prestito pagando una commissione dell’1% della parte rimanente.

Considerazioni sui prestiti Inpdap

I pensionati ex dipendenti statali possono usufruire dei prestiti Inpdap gestiti oggi dall’Inps, dei prestiti agevolati con tassi d’interesse inferiori a quelli di mercato, dedicati agli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni sociali e creditizie.

Si possono richiedere piccoli prestiti fino ad 8 mensilità o prestiti pluriennali diretti, con i quali è possibile anche finanziare l’acquisto, la costruzione o il riscatto di un immobile destinato a residenza principale dell’iscritto.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *